Gennaio 2019

Supporto Apple, come funziona la truffa della falsa chiamata

Negli Stati Uniti sta prendendo piede un tentativo di truffa telefonico particolarmente astuto. Gli hacker fingono di essere l'assistenza Apple per rubare dati

Il malware Razy si traveste da estensione del browser Windows per rubare soldi

Kaspersky: C’è un malware che si traveste da estensione del browser Windows per rubare criptovaluta e non solo. Si chiama Razy

Hacker, maxi-furto: sottratti 773 milioni di e-mail e 22 di password

Uno dei più grandi furti via web degli ultimi anni. Secondo molti addetti ai lavori, stiamo parlando del più grosso database di indirizzi email e password rubati finora: il suo nome è Collection#1, numero che potrebbe far pensare a nuovi database – ma questo ancora non è dato saperlo – e altro non è che un gigante archivio contenente circa 12mila file all’interno dei quali si trovano 773 milioni di indirizzi e-mail e 22 milioni di password, per una grandezza totale di più di 87 gigabyte.

iPhone XS: Alcuni Hacker sono riusciti ad attivare l’eSIM anche se non supportata dall’operatore

Alcuni hacker Cinesi, sono riusciti ad attivare l’eSIM di iPhone XS con l’operatore China Unicom che non supporta ufficialmente le SIM virtuali. Infatti in Cina le eSIM non sono supportate, ma un team Cinese, ha aggirato il blocco imposto dall’operatore che non supporta le eSIM e le ha attivate senza bisogno del supporto ufficiale.

Come pubblicato su internet, l’iPhone XS è collegato alla rete di China Mobile con la normale SIM, mentre si connette a China Unicom, usando la eSIM hackerata sul nuovo iPhone che dunque è utilizzabile come dispositivo dual SIM.

Cybersecurity, l’intelligenza artificiale sfida i dispositivi smart

Nuovo allarme per le minacce informatiche, che nell’anno appena iniziato non accenneranno a diminuire: tenderanno anzi a moltiplicarsi e ad aumentare in termini numerici, colpendo imprese e individui che non attiveranno buone pratiche di comportamento oltre ad adeguate contromisure digitali. Avira, società tedesca specializzata in soluzioni per la cyber security, ha esaminato i modelli, i numeri e le tendenze dell’anno scorso e ha delineato dieci possibili previsioni e tendenze per il 2019.

"Ave_Maria", il nuovo malware che aggancia le mail e ruba le password. Si presenta come allegato in Excel

Il nome non è benaugurante come sembra: “Ave_Maria” è il malware del momento, il bot che ruba informazioni, dati sensibili, password. Il nome è contenuto nella stringa codificata che lo veicola.
Si presenta come allegato Excel. Per gli esperti del Cert (Computer Emergency Response Team) “è in grado di catturare le credenziali di posta elettronica della vittima da Microsoft Exchange Client o Outlook e decifrare tutte le password memorizzate dal browser Mozilla Firefox”.

Android: ecco 5 modi per prendere un virus sul telefono

Android è stato infettato da un virus. Se ne sente parlare spesso. Giusto in queste ore abbiamo scoperto 2 app pericolose colpevoli di aver spiato oltre 100.000 smartphone sottraendo dati personali, chat Whatsapp ed informazioni sensibili. Spesso tutto ciò si può evitare con una buona dose di buon senso ma ci sono 5 modi per prendersi un virus senza sospettare nulla.

Apple, una dozzina di app hanno comunicato con un noto server di malware

L’App Store di Apple ha generalmente avuto meno problemi di sicurezza rispetto a Google Play Store. Ciò non ha impedito, però, ad alcune app di “scivolare” ed imbattersi in qualche malware. I ricercatori di sicurezza di Wandera hanno infatti scoperto 14 giochi sospetti, che si sono poi rivelati tutti comunicanti con lo stesso server.

Chromecast, hacker sfruttano bug su alcuni router per promuovere canale Youtube

Due hacker nelle ultime settimane hanno sfruttato Chromecast di Google e una vulnerabilità su alcuni router per promuovere il proprio canale Youtube. Ecco cosa è successo: negli ultimi giorni, alcuni proprietari di Chromecast hanno segnalato (via The Verge) che i loro televisori hanno riprodotto uno specifico video di YouTube ininterrottamente nel quale veniva indicato che "Il tuo Chromecast / Smart TV è esposto all'Internet pubblico" con l'invito ad iscriversi ad un canale Youtube.

Smart tv sotto attacco hacker: cosa sta succedendo

Ancora un attacco hacker a favore di PewDiePie. Questa volta i fan dello youtuber svedese prendono di mira smart TV e Chromecast riproducendo i suoi video
3 Gennaio 2019 - Dopo le stampanti ora tocca alle Smart TV: gli hacker fan dello youtuber PewDiePie, che nelle settimane scorse erano riusciti a controllare oltre centomila stampanti e a far stampare dei volantini in cui invitavano tutti a iscriversi al canale YouTube del comico svedese, adesso sono riusciti anche ad entrare dentro migliaia di TV smart, dispositivi Chromecast e Google Home.

Assistenza Computer Rimini San MarinoACQUISTA SUBITO SUL NOSTRO SHOP ONLINE