Agosto 2019

Apple potrebbe utilizzare display OLED cinesi per i prossimi iPhone

Secondo un nuovo rapporto, Apple è nelle fasi finali per la certificazione di pannelli OLED flessibili prodotti da BOE Display per l’uso in iPhone futuri. La Nikkei Asian Review afferma che Apple sta “testando in modo aggressivo” gli schermi realizzati dalla società cinese. Questo poiché considera di assumere BOE come fornitore OLED.

Gli hacker sentono le password dalla tastiera

Secondo uno studio della Southern Methodist University in Texas basterebbe uno smartphone hackerato per ascoltare le password digitate.

Apple, un bug permette di fare il jailbreak dell’iPhone

Un utente ha scoperto una vulnerabilità che rende possibile fare il jailbreak dell'iPhone e installare applicazioni vietate come virus e malware

Android: scoperti nuovi virus travestiti da app famose, cancellatele subito

Google ha scoperto 27 app infette distribuite tramite il Play Store per i dispositivi Android. Non si è trattato di soluzioni particolarmente pericolose quanto fastidiose, visto e considerato che hanno invaso i telefoni ed i tablet con pubblicità ingannevole. A fornire l’allerta per la presenza delle nuove minacce è stata la società indiana sviluppatrice di antivirus Quick Heal, che dopo la segnalazione accolta dagli sviluppatori ha visto il blocco delle app in questione. Scopriamo quali sono quelle da disinstallare subito.

Nuovo Virus Hot tramite email ai clienti Tim, Wind, Tre e Vodafone

Dopo aver infettato lo smartphone, questo virus rimane nascosto fino a che il proprietario non visita dei siti porno. Un ricatto che può trasformarsi in un incubo.

Un trojan recentemente scoperto è in grado di registrare le nostre attività su smartphone per ricattarci successivamente in cambio di denaro. Il virus attacca indistintamente gli utenti di TIM, Wind Tre e Vodafone e si attiva solamente quando siamo impegnati in qualcosa di cui non andare fieri: la visita a un sito porno.

Apple offre $1 milione per chi trova vulnerabilità su iPhone

Apple sta regalando fino a $ 1 milione per gli esperti di sicurezza informatica che troveranno lacune nella sicurezza dell’iPhone. Questa è la somma più alta mai offerta da un’azienda per difendersi in anticipo dagli hacker.

Come riportato dall’agenzia di stampa Reuters, questa è un’iniziativa leggermente insolita per Apple, che finora aveva offerto premi solo a ricercatori selezionati. Questa volta, invece, la possibilità sarà per tutti i ricercatori e riguarderà non solo i backup di iPhone e cloud, ma anche il software Mac e altre aree.

Arlo annuncia la compatibilità con Apple HomeKit

Arlo ha annunciato oggi la compatibilità con HomeKit, la piattaforma smart home di Apple, per le telecamere di sorveglianza Arlo Pro e Pro 2.

Gli utenti possono già monitorare le proprie telecamere grazie all’utilizzo dell’app dedicata ma la compatibilità con HomeKit garantisce una maggiore praticità agli utenti iPhone e iPad. Gli utenti iOS potranno, infatti, accedere a determinate funzioni all’interno dell’ecosistema HomeKit, utilizzando l’app Home di Apple e il controllo vocale di Siri.

Malware 2019: CheckPoint fa il resoconto delle minacce più pericolose

CheckPoint è una società nota nell’ambiente sicurezza. Si occupa di analizzare la situazione malware stilando rapporti completi sul numero di infezioni pervenute in un dato periodo. Per questa prima metà del 2019 si descrive un quadro davvero poco confortante per noi che siamo navigatori seriali del web e delle app. Il Threat Intelligence & Research, Products della società, tale Maya Horowitz, riporta i resoconti del Cyber Attack Trends: 2019 Mid-Year Report mettendo in luce attacchi sempre più sofisticati e difficili da prevenire.

Apple e Siri: è stato bloccato il programma globale dopo le lamentele

La scorsa settimana era balzata alla cronaca una notizia che vedeva Apple ascoltare le registrazioni degli utenti in merito alle conversazioni che venivano fatte con Siri, l’assistente virtuale del colosso statunitense; il tutto è venuto alla luce in seguito ad un rapporto del Guardian. Ovviamente si è accesso qualche dibattito in merito alle violazioni della privacy che questo comportava. Il risultato è stato che con un annuncio la compagnia ha fatto sapere di aver sospeso momentaneamente il proprio programma globale.

Google ha scoperto sei vulnerabilità su iMessage di Apple

Il team di Project Zero di Google che si occupa di sicurezza informatica ha scoperto sei vulnerabilità critiche nel codice di iOS, il sistema operativo di Apple. La maggior parte degli errori individuati sono abbastanza pericolosi in quanto non necessitano dell’interazione da parte dell’utente per essere sfruttate. Gli errori in questione rientrano nell’applicazione iMessage di Apple che potrebbe così rendere vulnerabili gli iPhone agli attacchi.

Assistenza Computer Rimini San MarinoACQUISTA SUBITO SUL NOSTRO SHOP ONLINE